Le Parole della Presidente

Cari amici,

sono veramente orgogliosa di presentarvi quello che finalmente può essere definito il vero bollettino dell’associazione.

Questo numero è stato infatti preparato con l’impegno e la collaborazione di tutti: di medici e specialisti, di amici e sostenitori, di genitori e perfino di alcuni dei nostri ragazzi più grandi. Per loro, per tutti i nostri figli, io nutro la speranza che, come già sta avvenendo per noi genitori, sempre di più possano sentire A.I.S.EA come una grande famiglia, un luogo dove poter anch’essi parlare liberamente dei loro problemi con altri compagni che stanno facendo il loro stesso cammino e non sentirsi più soli. A.I.S.EA potrà così diventare per loro uno strumento di dialogo, di valorizzazione delle loro capacità e di stimolo ad una autonomia sempre maggiore.

Il primo passo in questo senso è l’apertura verso le persone ‘normali’, verso quel mondo esterno, che, se affrontato con serenità e consapevolezza delle proprie abilità, non ci sarà più ostile, ma desideroso di conoscenza e di collaborazione.

Per fare ciò è utile cercare contatti con esperienze locali di assistenza ai disabili e di integrazione: associazioni di genitori, cooperative di lavoro, centri socio-educativi. Date il vostro contributo! Solo se ci impegneremo attivamente e in modo propositivo potremo aiutare i nostri figli a trovare il loro posto nella società. Ricordiamo sempre che diversità non significa inferiorità, bensì arricchimento e dinamismo.

Ma ora vi lascio alla lettura di questo numero, molto corposo e denso di notizie interessanti anche dal punto di vista della ricerca.

A tutte le famiglie, grazie per il vostro entusiasmo e il vostro sostegno.

Con affetto,

Rosaria Vavassori