Il Punto di vista dei Ragazzi

Eccoci in viaggio, dopo un pranzo ultra-rapido, verso una delle più belle città d'Italia: Perugia.

E' venerdì, il sole riscalda tiepido questo tranquillo pomeriggio di ottobre, la strada non è molto lunga e nel tardo pomeriggio siamo già dentro I'agriturismo che ci ospiterà in queste due giornate di incontri, di scontri, di discussioni, di emozioni. La prima è la mia nel vedere quanti bambini, quanti ragazzi stringono già amicizia in questo posto che sembra fuori dal mondo, un'oasi di verde dove tutti possono avere la libertà di esplorare, curiosare, giocare in tutta sicurezza.

Due giorni nei quali Germana, io e gli altri ragazzi dell'associazione, in barba agli adulti impegnati in riunioni e comitati scientifici, abbiamo scoperto la gioia vera di stare insieme, raccontarci le nostre vite, i nostri sogni e perché no, anche i nostri disagi.

Sono rimasta particolarmente colpita nel vedere i ragazzi più grandi del gruppo, la loro autonomia, il loro senso di responsabilità verso i più piccoli, che non hanno mancato di mostrare lo loro vivacità e simpatia. Molti di loro hanno imparato, col tempo, anche a "gestire” le loro crisi, i loro malesseri, con una calma e una determinazione che mi hanno lasciato impressionata.

Ci si trova così a conoscere e "condividere" un mondo che pensiamo erroneamente appartenga solo a noi, un mondo dove affrontare tante difficoltà certo, ma dove imparare a confrontarsi diventa un'esigenza, un arricchimento per conquistare lo propria crescita.

I momenti di svago e puro divertimento non sono certo mancati: le corse, i capitomboli sull'erba, le "esplorazioni" alla ricerca di animali misteriosi... tutto vissuto con grande complicità, una qualità che i bambini fanno presto a conquistare!

Queste due giornate mi hanno dato modo di realizzare che non sempre tutto è sulle spalle dei genitori, che non sono solo loro a dover fare delle scelte piuttosto che delle altre: i ragazzi hanno sempre, in ogni momento, dimostrato la propria responsabilità verso la propria vita e quella degli altri, un vivo interessamento verso gli aspetti comuni delle loro esperienze, un appoggio incondizionato verso ogni situazione di bisogno: ragazzi con una coscienziosità incredibile, ma anche tanta voglia di crescere e conquistare la bellezza che la vita offre a chi la sa accogliere. 

Roberta, sorella di Germana